giovedì 31 dicembre 2020

Il 2020 volge al termine: finisce un lungo incubo con la speranza di un anno migliore



Finalmente, è finito questo 2020. Certo, questo non vuol dire nulla dato che nessuno può garantirci se il 2021 sarà davvero un anno migliore ma la speranza è lecita dopo tutto quello che ho passato io, che abbiamo passato tutti. 

C'era una volta a Hollywood: metacinema e destini incrociati nel film di Quentin Tarantino



Ho dovuto guardare due volte il film "C'era una volta a Hollywood", visto che all'inizio non ero rimasto tanto convinto da quanto fruito, essendo tra l'altro abituato a un altro tipo di Tarantino. Non sono rimasto pienamente soddisfatto dall'ultimo lavoro del cineasta italoamericano però devo ammettere che in molti punti della pellicola ho trovato l'ennesima conferma delle sue grandi capacità tecniche e sceniche, per non parlare della sua sterminata fantasia nonostante stia perdendo qualche colpo nel tempo. 

La cosa che più mi è piaciuta di "C'era una volta a Hollywood" non è stata soltanto l'ennesima lezione di metacinema da parte di Tarantino ma anche il parallelismo tra i protagonisti "inventanti" e quelli veramente vissuti. Unire Rick Dalton e Cliff Booth alle vite di Sharon Tate (e dei suoi amici) è stato un modo molto originale di presentare: da un lato, un pezzo di storia del sogno hollywoodiano; dall'altro, una versione alternativa e sospesa della strage di Cielo Drive

Ciò che invece non mi ha colpito è stata sicuramente l'esagerazione di alcuni profili, un po' troppo estremizzati o ridicolizzati dal genio di "Pulp Fiction". C'è comunque da dire che questo lungometraggio si lascia guardare con un certo interesse e che non ha nulla da spartire con "The Hateful Eight" (per me l'unico film bruttino di Tarantino). 

mercoledì 30 dicembre 2020

Berserk the Prototype: il primo lavoro di Miura sulla storia del guerriero nero



Prima di affrontare in maniera dettagliata l'analisi su Berserk è fondamentale partire dalla prima versione del manga realizzato da Kentaro Miura: The Prototype, cioè il lavoro iniziale del mangaka giapponese sulla storia del guerriero nero Guts e di Puck

Come già riportato nell'articolo introduttivo dell'opera, si tratta appunto di un vero e proprio prototipo dello spadaccino marchiato e del suo piccolo amico elfo. Realizzato nel 1988 (quindi un anno prima dalla data d'uscita ufficiale del manga definitivo) Berserk The Prototype è caratterizzato da 48 pagine che ritraggono un giovane Guts intento a cacciare gli apostoli di Varna, dio supremo dell'oscurità. 

martedì 29 dicembre 2020

Poesia: i tuoi occhi, il tuo nome



Io non so tu chi sia, non ti conosco
Eppure i tuoi occhi mi dicono il tuo nome
Mi raccontano la tua storia, le tue gioie e i tuoi dolori
Sei una sagoma lucente, il cui corpo è fatto di astri e meteore
Luminosa e scura saltelli in punta di piedi su tutte le stelle

I tuoi capelli si mescolano con i punti cardinali e le galassie
Indistinti essi ondulano come i fili della vita
Prima ricci, poi lisci ma scuri, quasi neri come la pece
Il loro profumo arrivi fin qui: sanno di infinito e lucentezza

I tuoi occhi sono raggianti come due soli
Poi si spengono e diventano due lune
Poi ancora due soli, ancora due lune
Prima riscaldano, poi raffreddano
La vita e la morte
La gioia e la tristezza
Sono tutte lì

E io resto seduto a mirar quello spettacolo
Un meraviglioso miracolo di vita
Una storia che da sola si proclama
Una donna che prende vita dai sogni umani

lunedì 28 dicembre 2020

Death In Music 1980: la fine di Bon Scott, la tragedia di Bonham e l'omicidio di John Lennon

 

Dopo tanto tempo riparte la rubrica "Death In Music", un resoconto delle morti più tragiche e premature della storia della musica. Il nostro percorso ha avuto inizio con il periodo compreso tra gli anni 30 e gli anni 50, quando a perdere la vita in circostanze misteriose e/o a dir poco tragiche furono figure come quelle di Robert Johnson e di Buddy Holly, senza dimenticarne molte altre. 

Negli anni 60 ci son state anche le tragedie legate ai nomi di Belvin, Sam Cooke, Brian Jones e il nostro Luigi Tenco. Negli anni 70 poi si sono scatenate le maledizioni del soul e del Club 27 con i decessi di Jimi Hendrix, Jim Morrison e Janis Joplin, poi Rory Storm e la strage dei Byrds, contando anche la fine di Elvis, Moon e Sid Vicious

Oggi si riprende e si parte dal 1980, anno in cui si contano almeno una dozzina di casi tristi e proprio quest'anno ricadono i 40 anni dalla morte di tre personaggi in particolare: Bon Scott, John Bonham e John Lennon. Vediamo questi e gli altri artisti deceduti. 

Agli Ordini Papà: una sitcom dimenticata che andava in onda su Italia 1


Questa mattina mi sono svegliato pensando alle serie tv che guardavo da piccolo e mi è tornata alla mente una sitcom che avevo letteralmente dimenticato: "Major Dad" più nota al pubblico italiano come "Agli Ordini Papà"

Per tutto questo tempo mi ero scordato di questa serie ma all'improvviso ho avuto uno strano lampo che l'ha riportata nelle mie memorie passate. Si tratta di una produzione statunitense che all'epoca mi divertiva molto e che è durata 4 stagioni, fino a quando la Cbs non ha deciso di cancellarla forse perché non attirava più gli spettatori come all'inizio.

domenica 27 dicembre 2020

Il 2020 è andato male? Impariamo da Lino Banfi in "Spaghetti a Mezzanotte"


 

"Voglio morire! Voglio morire mangiando!"

Ovviamente non è un'istigazione al suicidio né da parte di Lino Banfi né da parte mia ma è una riflessione. In un anno andato male su tutti i punti di vista, come il 2020 che ormai sta per giungere al termine, il film "Spaghetti a Mezzanotte" ci insegna forse qualcosa: trovare un senso alla vita e perseguire le strade della felicità concedendoci uno dei massimi piaceri della vita, cioè il cibo (ma anche altre cose, come il blogging nel mio caso).

Devilman, la Genesi: l'inizio della storia nel primo Oav tratto dal manga di Go Nagai



Era il 1987 quando finalmente Devilman ebbe una prima vera trasposizione animata intenta a seguire i fatti narrati nel manga originale del maestro Go Nagai. Il progetto ebbe inizio non con una nuova serie animata ma con un Oav di circa 55 minuti che riprende tutta la storia del primo volume dell'Uomo Diavolo: "Devilam - La Genesi".

Questo mini film è stato prodotto dalla King Records e prodotto da Katsuhiro Kato, con Kenji Kawai addetto alle musiche. Per il character design invece la produzione decise di affidarsi a Kazuo Komatsubara.

sabato 26 dicembre 2020

Il Signore degli Anelli: perché Samwise Gamgee è il vero eroe della saga di Tolkien?


In questo periodo di festività, anche la trilogia de "Il Signore degli Anelli" entra a far parte dei film più trasmessi e seguiti durante la settimana di Natale. Dopo aver seguito le tre pellicole de "Lo Hobbit" su Canale 8 fino a pochi giorni fa, ho preferito dedicarmi ancora una volta ai fatti della Compagnia dell'Anello visto che Canale 20 li ha proiettati tutti d'un fiato, cioè dal 23 al 25 dicembre, in versione integrale (sono state quindi aggiunte le famose scene tagliate).

Ebbene, facendo notte fonda davanti al piccolo schermo per seguire le avventure di Frodo e dei suoi amici, ho avuto la conferma che il vero eroe della saga è soltanto uno: Samwise Gamgee, noto più semplicemente come Sam. Di certo avrò fatto la scoperta dell'acqua calda con questa affermazione e perciò voglio semplicemente unirmi al coro di chi sostiene la figura dello hobbit dedito al sacrificio e al rispetto del suo migliore amico, quel tanto nominato e sospirato Padron Frodo

venerdì 25 dicembre 2020

Dexter di Jeff Lindsay: il romanzo che ha ispirato la serie televisiva



"Dexter" è una delle migliori serie prodotte e diffuse negli ultimi anni dagli Stati Uniti in tutto il mondo. Nonostante un finale alquanto deludente e pochi rimandi alle storie dell'assassino "buono", in tanti ricordiamo comunque l'impatto che ha avuto tra gli amanti della fiction seriale moderna

Qualcuno però ricorderà che "Dexter" è tratto dall'omonimo romanzo di Jeff Lindsay, il quale ha scritto le bellezza di 8 storie con protagonista l'ematologo della Polizia di Miami. Tuttavia, soltanto il primo di questa saga di libri ha ispirato l'intera serie tv composta da otto stagioni. Il resto dei capitoli prendono una via totalmente differente rispetto a quanto visto in televisione.

mercoledì 23 dicembre 2020

Memorie nel cassetto: le collezioni dimenticate di casa mia tra schede, fumetti e figurine Panini


 

Chi mi conosce sa bene che amo collezionare e leggere libri, fumetti, almanacchi e tutto ciò che porta alla formazione culturale, alla stimolo versi svariati argomenti e stili produttivi. Eppure, a casa mia c'è qualcuno che è stato capace di battermi di gran lunga: costui è mio padre!

Mio padre è un collezionista impulsivo, tutto quello che secondo lui può avere valore nel tempo viene preso dalla sua mano, annusando il profumo di probabili guadagni futuri e magari con l'intento di lasciar un particolare patrimonio a me e a mio fratello. Del resto fu con lui che cominciai a collezionare le mitiche schede telefoniche, la cui presenza nella nostra abitazione è soltanto un ricordo: papà andava in capo al mondo per prendere quelle più rare e rivenderle a prezzi importanti. 

Spot Nike, Olé 2006: quando Brasile-Portogallo si giocò fuori e dentro al campo



Nei primi anni 2000 il successo degli Spot Nike continuava ad incollare al piccolo schermo milioni di amanti del calcio in tutto il mondo, rendendo rendere il marchio dell'azienda di abbigliamento sportivo come un fenomeno virale e di massa.

Nel 2006 la fama di questi episodi pubblicitari è stata confermata e bissata dal "Olé", dove a farla da padroni sono di nuovo i grandi professionisti del pallone. Infatti, dopo Freestyle Stickman, vediamo nuovamente i volti noti del calcio mondiale, in una sfida che vede protagoniste le nazionali di Brasile e Portogallo, guidate dai Palloni d'Oro Ronaldo il Fenomeno e Luis Figo

martedì 22 dicembre 2020

[Devilman] Introduzione al manga di Go Nagai: storia, autore, personaggi e fonti d'ispirazione


Ci ho pensato per diverso tempo e alla fine mi sono convinto che valesse la pena cimentarmi in un argomento complesso, quello inerente al concetto di male visto dal maestro Go Nagai, autore di un capolavoro intramontabile come Devilman. Non è solo una questione di studio della figura dei demoni e delle conseguenze della loro esistenza o del credo che gli uomini hanno in loro, bensì si tratta di qualcosa in cui lo stesso male va inesorabilmente a mischiarsi con tutta una serie di sentimenti contrastanti tra di loro come il senso di giustizia, l'odio, l'amore, la vendetta, la follia e la necessità di affidarsi a una sorta di antieroe per distruggere quello stesso male che, in realtà, l'ha generato per qualche ironia del destino. 

Ironia del destino? Quando ci sono entità legate a una religione nulla è legato al destino ma tutto può risultare spaventosamente scritto e deciso senza che nessuno possa farci nulla: questo è il destino di Akira Fudo, per i nemici Devilman. A dominare la trama, specialmente nelle prime pagine, sarà soprattutto la paura nel relazionarsi a qualcosa che si pensava fosse soltanto leggenda, a esseri soprannaturali che i nostri protagonisti pensavano di dover incontrare solo nei testi religiosi e nei racconti degli anziani o nei loro peggiori incubi. Ma Akira Fudo andrà ben oltre e si ritroverà faccia a faccia con ciò che non può essere più soltanto il frutto della mente umana e delle sue paure, bensì qualcosa da cui non si può sfuggire e che prima o poi ognuno di noi dovrà affrontare. 

Devilman è la personificazione, o meglio la proiezione nero su bianco, dei mostri di Go Nagai, di un'idea di maligno sicuramente frutto di un'esperienza tutta personale che aveva già cercato di raccontare nell'incompiuto Mao Dante e che rimanda ai quadri del pittore spagnolo Francisco Goya (Il sonno della ragione genera mostri).

Questo articolo fa da introduzione al manga di Go Nagai. Ci sono tutti gli articoli e le analisi correlate alla storia, all'autore, ai personaggi e alle fonti d'ispirazione di uno dei fumetti giapponesi più famosi di sempre. 

Lo Chiamavano Trinità: il "fagioli western" con Bud Spencer e Terence Hill compie 50 anni


Il 22 dicembre del 1970 nasceva uno dei film cult più amati di sempre, una vera e propria ode agli spaghetti western con una chiave di lettura comica, sarcastica e riflessiva. In questo giorno di 50 anni  fa, le sale cinematografiche proiettavano per la prima volta "Lo Chiamavano Trinità", forse il film più famoso e amato del duo Bud Spencer e Terence Hill.

Scritto e diretto da E.B. Clucher (alias Enzo Barboni), questo lungometraggio si può considerare una vera e propria parodia del genere, un "fagioli western" a dirla tutta, vista anche la sterminata passione che i due attori mostrano non solo qui ma anche in altri loro lavori. Il successo di Trinità e di suo fratello Bambino è entrato nella storia come uno classico del cinema italiano e mondiale. 

lunedì 21 dicembre 2020

[Berserk] Introduzione al manga di Kentaro Miura: storia, autore e personaggi



Al via la serie di articoli dedicata ad una approfondita analisi di Berserk, il famoso manga di Kentaro Miura che racconta la storia del guerriero nero Guts e della sua lotta contro la Mando di Dio. Questo primo pezzo è una semplice ma lunga introduzione all'opera con riferimenti alla storia, all'autore, ai personaggi e con uno sguardo veloce alle fonti d'ispirazione e tutto ciò che riguarda il mondo di Berserk

Nelle prossime settimane troverete tanti altri approfondimenti sulle saghe e schede ben studiate sui profili dei protagonisti, così da poter comprendere meglio la loro psicologia e la loro evoluzione nella trama. Vari link e collegamenti esterni saranno inseriti in questo corner che sarà continuamente aggiornato in maniera tale da fornire al lettore tutte le informazioni a portata di mano. 

Come riferimenti e fonti per questo articolo verranno presi in considerazione non solo i volumi di Berserk ma anche le interviste a Miura trovate sul web e l'Official Guide Book del Manga. Al via con l'introduzione: buona lettura! 

venerdì 18 dicembre 2020

Spot Nike, Freestyle Stickman 2005: il calcio da strada secondo Ronaldinho e i suoi seguaci

 

Eccoci a un nuovo capitolo della nostra ricostruzione storica dei celebri spot Nike. Nel 2005, la nota industria di abbigliamento e accessori sportivi diede il via libera alla produzione e alla diffusione di una nuova pubblicità tutta incentrata sull'arte del calcio freestyle in strada: Freestyle Stickman.

La classifica dei dieci criminali più pericolosi della storia: da Lucky Luciano a Escobar

criminali-pericolosi-storia-puteca-pakos


Non solo dei boss della malavita, ma anche spietati sanguinari capaci di qualsiasi cosa pur di raggiungere i propri scopi e i propri guadagni. Sono i dieci criminali più pericolosi della storia, tutti sparsi per il mondo in epoche sia simili sia diverse, ma tutti accomunati da un’unica parola: criminalità o se si vuole si possono utilizzare altri appellativi.

Dalla mafia italoamericana a quella russa, passando per quella cinese e al cartello colombiano di Medellin. Da Totò Riina ai suoi “parenti” siciliani in America, come Luky Luciano o volendo anche Al Capone (che tuttavia era di origini campane).

Sapete chi si trova in vetta a questa speciale top 10? La risposta non è così scontata, anche se in molti sarebbero portati a pensare a Pablo Escobar, capo del cartello di Medellin e reputato come uno degli uomini in assoluto più potenti della sua epoca. Vediamo allora chi sono i dieci criminali più pericolosi della storia e chi occupa la prima posizione.

giovedì 17 dicembre 2020

Pubblicità storiche: i divertenti spot della Yomo con Aldo, Giovanni e Giacomo

yomo-aldo-giovanni-giacomo-spot-pubblicità

Oggi voglio regalarvi una pura perla di nostalgia riportandovi alla mente una storica serie di spot pubblicitari della Yomo con protagonisti i comici Aldo, Giovanni e Giacomo. Spulciando su Youtube, alla ricerca di qualcosa di interessante, mi sono imbattuto per purissimo caso in questi reperti a dir poco storici che in quel periodo ottennero grande successo.

Pallone d'Oro Dream Team: la discutibile top 11 di France Football



Negli ultimi giorni, France Football ha pubblicato il proprio Ballon D'Or Dream Team, cioè la top 11 dei giocatori reputati come i più forti di sempre secondo i giornalisti della redazione del noto giornale francese. A questa formazione, ne sono seguite altre due come una sorta di contentino per coloro che non sono stati inseriti nella prima squadra. Tale iniziativa è stata avviata anche per via dell'ormai manca edizione 2020 del Pallone d'Oro.

La selezione però ha lasciato perplessi molti lettori del quotidiano, per non parlare degli amanti del calcio, i quali hanno riscontrato alcune incongruenze e possibili errori grossolani nel creare una possibile squadra dei sogni. Vediamola.


mercoledì 16 dicembre 2020

C'era una volta in America, dal libro al film: una storia tra sogno, realtà e malinconia


 

"C'era una in America" non è solo il mio film preferito, ma è in assoluto una dei migliori lungometraggi della storia del cinema, nonché una delle massime espressioni visive e lavorative del regista Sergio Leone. Fare una recensione su questa pellicola non è facile, dato che si tratta di una storia molto lunga (nella versione integrale supera le tre ore) ma anche capìta nel tempo, visto che nel periodo della sua diffusione nelle sale cinematografiche di tutto il mondo ebbe fortune e sfortune dovute da scelte scellerate nel montaggio della primissima visione. 

Con il passare degli anni, "C'era Una Volta In America" ha comunque conquistato la stima degli spettatori di tutto il mondo, grazie alle varie versioni postume ma soprattutto per merito della critica che ne ha apprezzato la direzione e la realizzazione subito. 

martedì 15 dicembre 2020

Berserk Millenium Falcon: il videogame del guerriero nero su Play Station 2


 
Ho rispolverato la mia vecchia Play Station 2 per recuperare un videogame a cui sono particolarmente legato: Berserk Millenium Falcon. Si tratta del gioco ispirato all'omonimo manga di Kentaro Miura e che ripercorre la parte della trama legata alla saga dei troll fino all'armatura del Berserk. All'interno della storia sono presenti anche elementi non canonici, diciamo filler, in particolare per la figura del piccolo Charles, un apostolo mai visto nell'opera originale. Questo videogioco è postumo al primo Sword of the Berserk: Guts Rage del 1999 e rilasciato su piattaforma Sega Dreamcast

lunedì 14 dicembre 2020

Pallone d'oro: i mancati vincitori più clamorosi della storia


Da sempre è risaputo che l'assegnazione del Pallone d'Oro è una delle cose più discutibili della storia del calcio mondiale. Molti sono stati i calciatori meritevoli del premio come miglior giocatore dell'anno, così come a tanti è spettato fare il bis, il tris e via discorrendo. In altre circostanze però ci sono stati anche conferimenti curiosi, a volte al limite di ogni logica, se non addirittura immeritevoli. Poi c'è chi avrebbe dovuto vincere il Pallone d'Oro ma non vi è mai riuscito o per sfortuna o per decisioni folli da parte della giuria di France Football

In passato abbiamo parlato dei vincitori più "strani" della storia del Pallone d'Oro, adesso andremo a vedere quelli che lo avrebbero meritato ma che l'hanno sfiorato di un soffio. La lista sarà divisa per ruoli. 

domenica 13 dicembre 2020

Devilman Anime: la prima serie dedicata alle avventure dell'Uomo Diavolo



Continua l'analisi sul mondo di Devilman, famosa opera realizzata dal maestro Go Nagai. Dopo aver trattato in maniera dettagliata tutti gli aspetti legati al manga del 1972 (clicca qui), con conseguente collegamento allo spin off "Amon - The Apocalypse Of Devilman" di Yu Kinutani, si passa a rivedere un vecchio classico dei cartoni giapponesi: cioè una trasposizione animata delle avventure dell'Uomo Diavolo

L'anime di Devilman è stato realizzato nel 1972, trasmessa in Giappone dal mese di luglio fino al 7 aprile dell'anno successivo, per poi arrivare in Italia solo nel 1983. Realizzata dalla Toei Animation, questa versione della storia di Akiro Fudo è composta da 39 episodi che vedono un totale stravolgimento dell'opera originale e cartacea. 

È possibile consultare un'ampia introduzione al mondo dei demoni e l'analisi completa di tutta l'opera al seguente link: 

sabato 12 dicembre 2020

Grosso Guaio a Chinatown: un flop diventato cult e che ha fatto storia



Ci sono film che diventano cult quando meno te lo aspetti, specialmente quando al loro esordio appaiono come dei veri flop a livello commerciale, in particolare al cinema. Poi, succede puntualmente qualcosa che li porta a essere visti e rivisti nel tempo, riuscendo ad avere un impatto non indifferente sull'immaginario collettivo e su altre opere. Alcuni lungometraggi spesso appaiono come le solite americanate di turno, con una buona dose di trash e situazioni che hanno del paradossale ma quando vengono visti e rivisti lo spettatore comincia ad attaccarsi per poi inserirli nella lista dei preferiti: uno di questo esempio è senza ombra di dubbio "Grosso Guaio a Chinatown". 

giovedì 10 dicembre 2020

Apocalypse: quando il mitico Bruce Willis sbancò su Sony PlayStation


 

È stato un dei giochi più cazzuti e in moda del suo periodo, quando molti di noi erano dei ragazzini e prendevano confidenza con i primi titoli per Sony Play Station, magari avendo già un po' di esperienza pregressa nel campo dei videogames. Di cosa stiamo parlando? Apocalypse, lo sparatutto in 3D con protagonista uno scatenato Bruce Willis intento a sventare la fine del mondo combattendo contro i 4 Cavalieri dell'Apocalisse: la morte, la peste, la guerra e la fame (questo l'ordine dei boss).

Addio a Paolo Rossi: l'Italia piange per l'eroe dei Mondiali del 1982



Il 2020 è l'anno in cui è morto il numero venti più famoso della storia del calcio italiano: ieri sera, mercoledì 9 dicembre, è morto il grande Paolo Rossi, detto Pablito. Una notizia arrivata come un fulmine a ciel sereno, diffusa dal giornalista sportivo Rai Enrico Varriale sul suo profilo Twitter. Tutti pensavano fosse una fake news e che il vicedirettore di Rai Sport l'avesse combinata grossa: ma un professionista resta sempre un professionista e Varriale ha avuto tristemente ragione. In poco tempo i maggiori quotidiani, sportivi e non, hanno confermato il decesso del campione del mondo di Spagna '82, secondo pallone d'oro italiano della storia e membro del primo vincente ciclo della Juventus firmata Trapattoni.

mercoledì 9 dicembre 2020

Scarface: 37 anni fa Al Pacino e Brian De Palma crearono un'icona del cinema


Oggi compie gli anni uno dei film migliori e più famosi della storia: Scarface di Brian De Palma. Era il 9 dicembre 1983 quando Al Pacino interpretò magistralmente il personaggio di Tony Montana, diventata una figura di culto insieme a tanti altri antieroi del cinema del XX secolo. Merito del successo dell'opera appartiene anche a Oliver Stone, il quale scrisse la sceneggiatura poi diretta da De Palma

martedì 8 dicembre 2020

Berserk: contro quanti apostoli ha combattuto Guts?


 

Parlando giorni fa con alcuni utenti di un gruppo Facebook dedicato a Berserk, c'era uno di loro che ha cercato di fare una specie di stima degli apostoli che Guts ha sconfitto e/o ucciso. La cosa mi ha ispirato particolarmente perché di primo acchito verrebbe da pensare "pochi" e invece non è così se pensiamo che il protagonista del manga di Kentaro Miura ha sfidato le creature della Mano di Dio anche prima di diventare il guerriero nero (o meglio ancora lo spadaccino nero). 

Quanti apostoli ha effettivamente sconfitto Guts? Parecchi. Quanti ne ha uccisi? Altrettanti ma la sua natura umana e le sue imprese l'hanno comunque portato a essere temuto, rispettato e anche desiderato dagli odiati nemici a cui dà la caccia ormai da tempo. Facciamo quindi una classifica, organizzata in ordine cronologico (quindi sul vissuto dei personaggi) degli apostoli contro i quali Guts ha combattuto.

Hotel California: l'album degli Eagles compie 44 anni

 


Era l'8 dicembre 1976 quando il gruppo musicale degli Eagles pubblicò Hotel California: sono passati esattamente 44 anni dalla nascita dell'opera più importante e famosa della banda statunitense che ha venduto oltre 30 milioni di copie in tutto il mondo. Si tratta infatti del terzo album che ha registrato più vendite nella storia degli Usa

8 dicembre: quando Mango morì lo stesso giorno di John Lennon


Sono passati sei anni da quando la musica italiana ha subito una gravissima perdita: l'otto dicembre 2014 infatti morì Giuseppe Mango, famoso ai più semplicemente come Mango. Quello dell'Immacolata Concezione è un giorno particolare visto che l'artista originario di Lagonegro ci lasciò nello stesso giorno in cui morì un altro grande cantante, cioè l'ex gloria dei Beatles John Lennon

Omicidio John Lennon: 40 anni fa Chapman uccise una leggenda della musica


 

Oggi è l'otto dicembre 2020 e quarant'anni fa, proprio nel giorno dell'Immacolata Concezione, morì uno dei più grandi cantanti e musicisti della storia della musica britannica e non solo: John Lennon. Era il 1980 quando Mark Chapman gli sparò quattro colpi di pistola alle spalle, mentre si trovava insieme alla moglie Yoko Ono davanti ai cancelli del Dakota Building sito nella città di New York City

lunedì 7 dicembre 2020

Fahrenheit: un cult per Play Station 2 dimenticato e sottovalutato


Nella mia vita ho giocato con tanti videogames belli e avvincenti ma mai scorderò l'esperienza vissuta con Fahrenheit, un prodotto che mai dimenticherò per il resto della mia vita. L'ho recuperato in questi giorni, rispolverando la mia vecchia Play Station 2 per rivivere un po' il passato. Rispetto a dieci anni fa poco è cambiato: Fahrenheit è uno dei migliori videogiochi che abbia beccato in tutta la mia vita e la cosa che mi lascia perplesso è il fatto che nessuno ne parli, tendendo a sottovalutarlo nonostante la critica abbia dato pareri positivi. 



Rilasciato nel 2005 dopo essere stato sviluppato dalla Quantic Dream e pubblicato dalla veterana Atari, "Fahrenheit" è stato sottoposto anche a varie modifiche e cambiamenti di versione. Negli Stati Uniti infatti è noto con il titolo "Indigo Prophecy" per evitare confusioni con il film di Michael Moore Fahrenheit 9/11. Per permettere poi al videogame di essere classificato come "Mature (17+)" sono state rimosse molte scene di sesso e di nudo presenti all'interno, tranne nel caso della scena che vede coinvolti i due protagonisti, Lucas Kane e la detective Carla Valenti. Si tratta di un'avventura grafica a sfondo noir, una sorte di thriller psicologico che sfonda nel paranormale e anche nel fantascientifico. 

20th Century Boys: l'eterno capolavoro del mondo dei manga

Ci sono manga destinati a rimanere nella storia e uno di questi che è riuscito a ottenere un successo straordinario (a tal punto da restare nella storia per vendite e impatto sul mondo), è senza ombra di dubbio "20th Century Boys" di Naoki Urasawa


Si tratta di un thriller le cui tematiche riguardano anche la teoria della cospirazione, il terrorismo, le sette, la fantascienza e la nostalgia per il passato. In esso sono presenti infatti elementi che riconducono alla cultura del periodo legato agli ultimi decenni del novecento, come la passione per la musica rock e i fumetti, per poi ritrovarsi in un'epoca evoluta dal punto di vista tecnologico destinata a cadere in una crisi apocalittica.


La storia si concentra nell'arco dell'intera vita dei protagonisti, da quando sono bambini fino ad essere adulti e con delle famiglie sulle spalle. Si parte dal 1969, per poi giungere al 1997, al 2001 e al 2014: il tutto all'interno di una storia fatta di continui flashback e viaggi tra passato, presente e futuro. L'opera di Urasawa ha ricevuto tanti consensi e premi in tutto il mondo, un successo stratosferico che portò poi alla realizzazione di una trilogia filmica, in action movie, realizzati tra il 2008 e il 2009. Ovviamente, chi ha letto il manga sa bene che si conclude con due volumi a parte, intitolati "21st Century Boys" proprio perché i fatti vengono raccontati anche oltre il ventesimo secolo. 

In Giappone, "20 Century Boys" ha visto la luce del 1999 per poi concludersi nel 2006 con un totale di 22 volumi. La stessa strategia editoriale in volumi è stata seguita anche in Italia, dove però la pubblicazione è durata dal 2002 al 2007. 

sabato 5 dicembre 2020

Spot Nike, The Cage 2004: campioni in "gabbia" in un cult intramontabile


La Nike Football ne ha fatti di spot meravigliosi, ma uno su tutti rimarrà indimenticabile nel cuore degli amanti dello sport più bello del mondo: The Cage (La Gabbia), del 2004. Un torneo con otto squadre, un campetto di calcio all'interno di una gabbia, una porta piccolissima, la colonna sonora "A Little Conversation" del grande Elvis Presley e soprattutto il mattatore Eric Cantona

Amon: il manga che racconta le origini di Devilman

Amon Devilman

 

Nell'analisi dedicata a Devilman (che potete trovare cliccando qui), il manga più importante e famoso del maestro Go Nagai, ci siamo sempre chiesti cosa sia successo ad Akira Fudo dopo la morte di Miki e come si sono svolti i trent'anni che hanno anticipato l'Apocalisse e quindi la battaglia finale tra l'uomo diavolo e l'esercito di Satana. Alcune di queste risposte sono state esposte in un manga intitolato "Amon - The Apocalypse of Devilman", presentato dallo stesso Nagai e realizzato da Yu Kinutani. Pubblicato in Giappone nel 1999 e giunto in Italia nel 2005, quest'opera presenta molte differenze stilistiche rispetto ai disegni di Go Nagai ma riprende alla perfezione, se non in maniera più estrema, il concetto del male presente all'interno del manga che ha dato origine a tutto. 

È possibile consultare un'ampia introduzione al mondo dei demoni e l'analisi completa di tutta l'opera al seguente link: 

lunedì 30 novembre 2020

Thriller di Michael Jackson: 38 anni fa usciva l'album più venduto della storia


 

Michael Jackson è uno di quegli artisti rimasto nel cuore di tutti i fan della sua musica e non solo. Sono passati undici anni dalla sua morte eppure le sue canzoni e i suoi album continuano a essere venduti e ascoltati a ritmi elevati (non per nulla è il re del pop). Uno di questi lavori discografici rimasti nella storia è senza ombra di dubbio "Thriller", l'album più venduto della storia e che ancora oggi detiene questo record assoluto. 

Oggi, 30 novembre 2020, il noto capolavoro di Jackson compie esattamente 38 anni. Era infatti il 1982 quando Thriller fu pubblicato e distribuito in tutto il mondo, riuscendo a vendere un milione di copie solo alla fine della prima settimana di vita, collezionando di conseguenza record su record. Nel febbraio del 2020 è stata stimata una cifra complessiva di 66 milioni di dischi venduti. 

The Wall: 41 anni fa i Pink Floyd pubblicarono il loro album capolavoro

 


Il 30 novembre 1979, il gruppo musicale dei Pink Floyd pubblicò "The Wall" uno dei loro album più celebri se non il più famoso per l'impatto che ebbe sul panorama rock (e non solo) di quegli anni. Oggi sono passati esattamente 41 anni da quell'evento che garantì alla band britannica l'ennesimo successo mondiale in termini di vendite e fama.

domenica 29 novembre 2020

Spot Nike 2001: l'avvento del Freestyle e un giovanissimo Ronaldinho



Torna la rassegna storica dei celebri Spot Nike, quelli che hanno saputo non solo lanciare al massimo il noto brand di abbigliamento sportivo ma anche influenzare profondamente milioni di sportivi e di giovani, creando dei veri e propri tormentoni imitati nel tempo. 

Dopo Good vs Evil (1995), The Beach (1997), The Airport (1998) e The Mission (2000) ecco che arriva il quinto video della nota campagna pubblicitaria. Nel 2001 è la volta di Freestyle, il simbolo di un calcio che in quegli anni sarebbe totalmente cambiato con un vero e proprio processo di spettacolarizzazione che avrebbe trovato il suo capostipite in Ronaldinho, ex gloria del Barcellona che in questo spot è protagonista insieme ad altri professionisti non del calcio mondiale ma del freestyle

Gli scooter della nostra infanzia: i miti intramontabili a due ruote


Erano belli, erano strani, colorati, scheletrici o corazzati: si tratta degli scooter 50 che hanno caratterizzato la nostra infanzia, ma anche la vita dei nostri genitori e dei nostri nonni. Alcuni sono nati negli anni 60 e sono sopravvissuti fino ai primi anni 2000, altri invece hanno avuto diversi reestyle fino a durare nel tempo. Per questo motivo, visto l'ennesimo attacco di nostalgia, ecco una lista dei motorini che più di altri hanno inciso sull'immaginario collettivo e sono rimasti nel cassetto delle memorie di ognuno di noi.

mercoledì 25 novembre 2020

Buon compleanno Picchiarello: il cartone compie 80 anni


Il 25 novembre 2020 è un giorno speciale per uno dei personaggi più amati e famosi dei cartoni animati: Woody Woodpecker, noto in Italia come Picchiarello, compie 80 anni. Si tratta di un traguardo importante per il personaggio nato dal genio Walter Lantz nel lontano 1940.

martedì 24 novembre 2020

Bohemian Rhapsody: vita ed eccessi di Mercury in un film che divide la critica

 



Oggi, 24 novembre 2020, sono passati esattamente ventinove anni dalla morte di Freddie Mercury, leggendario cantante e leader del gruppo britannico dei Queen, considerato da molti come il più grande frontman della storia della musica. Era infatti il 1991 quando il compianto artista di origini parsi si spense nella sua abitazione a Logan Place, Londra, a causa dell'Hiv che gli fu diagnosticato pochi anni prima. 

Il mito di Mercury è cresciuto sempre di più negli anni e per tanto tempo si è cercato di riportare la sua vita non solo sui libri biografici ma anche sul grande schermo, al cinema. Tanti sono stati progetti sui quali si è discusso e numerosi personaggi, tra attori e registi, sono stati coinvolti e poi scartati o allontanati vista la difficoltà di un progetto molto ampio e complicato. 




Non a caso, la vita di Mercury è stata caratterizzata da una lunga carriera musicale, per non parlare anche delle varie attenzioni concentrate soprattutto negli anni 80 sulla sua sessualità, i suoi eccessi e le varie storie che ne hanno caratterizzato il percorso. Da Johnny Depp a Sacha Cohen, fino a giungere a Rami Malek, nel 2018 è stato realizzato e distribuito in tutti i cinema del mondo "Bohemian Rhapsody", il primo vero prodotto audiovisivo che narra in particolare la storia di Farrokh Bulsara (il vero nome di Mercury) e dei Queen

29 anni senza Freddie Mercury: 15 canzoni per ricordare il leader dei Queen


24 novembre 1991 - 24 novembre 2020
Ahimè, sono ormai passati 29 anni da quando il mondo della musica ha perso quello che probabilmente va considerato come il più grande frontman e cantante rock della storia: Freddie Mercury dei Queen.

lunedì 23 novembre 2020

Devilman vol. V: l'idea del male di Nagai e il ciclo dei vinti

Eccoci finalmente alla parte conclusiva dell'analisi tutta incentrata su Devilman di Go Nagai. Innanzitutto perdonate la mia lunga assenza e la discontinuità degli ultimi tempi, ma il lavoro da giornalista e il cattivo umore per il periodo legato alla Pandemia da Covid 19 hanno messo a dura prova i miei nervi. Possiamo cominciare.

È possibile consultare un'ampia introduzione al mondo dei demoni e l'analisi completa di tutta l'opera al seguente link: 

sabato 31 ottobre 2020

MediEvil: il fantasy horror che cambiò le regole ispirandosi a Tim Burton


Il mio regalo di Halloween per tutti i lettori (e non) de "La Puteca di Pakos" ricade su un videogioco che ha profondamente segnato la mia giovinezza sia prima sia dopo l'adolescenza, cioè MediEvil, la straordinaria avventura di Sir Daniel Fortesque sviluppatasi in un mondo fantasy horror che cambiò le regole del suo genere traendo ispirazione soprattutto dai disegni di Tim Burton in Nightmare Before Christmas

martedì 11 agosto 2020

Le Sigle dei Cartoni Animati che assomigliano a canzoni d'autore - Parte 1

 


Quante volte, discutendo con amici o colleghi di lavoro, ci è capitato di parlare di plagi e scopiazzamenti nel mondo della musica? Chi non ha mai discusso sulle tante accuse fatte a Zucchero o sul fatto che Stairway To Heaven dei Led Zeppelin somigli molto a una canzone degli Spirit? Questo però non è nulla se pensiamo al fatto che anche i grandi autori e compositori di colonne sonore e sigle dei cartoni animati hanno avuto il coraggio di cimentarsi con questa malsana arte (ovviamente non si escludono episodi "casuali").

Ebbene, ci sono decine di esempi, anche legati alle più grandi canzoni dei nostri anime e cartoon preferiti, quelle che ancora oggi cantiamo a squarciagola mentre siamo presi a ricordare la nostra infanzia insieme agli amici di sempre. 

domenica 14 giugno 2020

Pallone d'Oro: i vincitori più "strani" della storia



Il Pallone d'Oro 2019 dall'argentino Lionel Messi, attaccante del Barcellona e della nazionale argentina, invoca ancora la vendetta di tutti i tifosi del Liverpool e dei sostenitori di Cristiano Ronaldo. Quello del numero dieci blaugrana è stato il suo sesto riconoscimento ufficiale ma in tanti l'hanno contestato visto che i più si aspettavano una vittoria da parte del difensore dei Reds, Virgil Van Dijk o di uno dei suoi compagni come nel caso di Allison (che in finale di Champions contro il Tottenham fu decisivo con almeno tre interventi fondamentali).